E’ arrivata la sveglia

E’ arrivata la sveglia

Il risultato delle elezioni del 4 marzo è sotto gli occhi di tutti: il vecchio sistema dei partiti tradizionali e i suoi leader sono stati spazzati via da forze nuove a cui è andato il consenso maggioritario del paese. C’è chi è rimasto sorpreso da questi risultati, almeno dalla loro entità, per noi invece non […]

Tra flat tax e delocalizzazioni

Tra flat tax e delocalizzazioni

Il governo italiano si straccia le vesti per l’addio di Embraco all’Italia, parlando di dumping fiscale ai danni del nostro paese da parte della Slovacchia e definendo gentaglia la dirigenza dell’azienda che delocalizza. Nemmeno un’autocritica sull’incapacità del nostro paese di attrarre investimenti e imprese e di trattenere quelle realtà aziendale che hanno deciso di andarsene. […]

Chi evade e chi paga

Chi evade e chi paga

C’è un numero elevato di enti locali che non versano i contributi pensionistici ai dipendenti. Il tema, sollevato da Confimprenditori la settimana scorsa è rimasto sottotraccia per 24 ore poi è stato rilanciato dal quotidiano Il Mattino in un pezzo di Nando Santonastaso dello scorso 16 febbraio e da Libero questo fine settimana. E’ un tema […]

Perché la politica ha dimenticato l’impresa

Perché la politica ha dimenticato l’impresa

Avete notato che in questa campagna elettorale, dove i partiti promettono agli italiani mari e monti, di imprese non parla nessuno? Da settimane Confimprenditori va dicendo che le aziende italiane – soprattutto le piccole e medie imprese – sono uscite completamente dai radar della politica, come se non esistessero, come se non costituissero più del 90% […]

Italia 2018: tra lavoro nero e disoccupazione

Italia 2018: tra lavoro nero e disoccupazione

La domanda non è mai stata se ma quando la bolla del Jobs act sarebbe esplosa. Non se ma quando l’abolizione dei voucher avrebbe prodotto un ritorno del sommerso e del lavoro nero. In un convegno fiorentino dello scorso ottobre, intitolato appunto “Jobs act, impatto imminente”, Confimprenditori sosteneva – dati e proiezioni alla mano – che la riforma del lavoro voluta da Renzi […]

20 miliardi per il Salvabanche, nessun colpevole

20 miliardi per il Salvabanche, nessun colpevole

Ve lo ricordate il decreto Salvabanche? Il provvedimento varato dal governo Gentiloni per mettere al riparo gli obbligazionisti dai fallimenti bancari generati da gestioni scriteriate degli istituti di credito? E come dimenticarlo, direte voi, considerando che ci è costato 20miliardi di euro. Giusto, tuttavia visti i tempi di distrazione pubblica e sovrano disprezzo del ceto politico […]

Non hanno un’idea, ma occupano tutto

Non hanno un’idea, ma occupano tutto

Opportunità politica ed educazione istituzionale vorrebbero che a camere sciolte un governo si limitasse a gestire l’amministrazione ordinaria. Il governo dell’educatissimo Paolo Gentiloni invece, “l’uomo del dialogo” (con chi?), ha deciso di scatenare proprio in queste settimane che ci separano dalle elezioni un attivismo furioso nel lottizzare, occupare e dispensare tutto il possibile ai propri amici, usando […]

La lezione americana

La lezione americana

Un milione di lavoratori americani avranno un innalzamento di stipendi e benefit da parte delle imprese mentre Fca investirà un miliardo di dollari nell’impianto di Warren, in Michigan con bonus dai 2.000 dollari ai 60mila dipendenti del Gruppo. Sono i primi effetti della riforma fiscale voluta da Donald Trump che prevede un taglio drastico alle […]

Cresce solo il lavoro precario

Cresce solo il lavoro precario

I titoli dei giornali sui dati Istat dell’ultimo trimestre che parlano di “livello occupazionale più alto registrato negli ultimi quarant’anni” farebbero pensare a una svolta rispetto alla crisi di crescita e occupazionale del paese. Non a caso è questa la lettura che, assieme ai suoi amici, si è affrettato a dare l’ex presidente del Consiglio […]

5 cose che servono subito alle imprese

5 cose che servono subito alle imprese

Esaurita la legislatura, ascoltato il discorso del presidente Mattarella – che ha posto l’accento sulla questione del lavoro, a dimostrazione che l’urgenza del paese non è lo Ius soli – è necessario elencare le priorità per le imprese italiane. Le cinque priorità che il prossimo governo – qualunque esso sia – dovrebbe mettere in agenda […]